Intervista a Enrico Carpi aka henrycherpa

I piccoli teatri della spiaggia riccionese

Riccione, 20 Dicembre 2020

 

 

Noi riccionesi siamo molto orgogliosi della nostra città, conosciamo tutti i suoi pregi e ogni angolo corrisponde a un bel ricordo.
Non è poi un mistero che la Perla Verde guadagni facilmente un posto anche nel cuore di turisti e visitatori, che da decenni la amano e omaggiano.

La pubblicazione, tramite i social network, delle proprie fotografie è diventata la dichiarazione d’amore più potente della contemporaneità: è sui social che postiamo e rendiamo immortali le nostre passioni.

Oggi ne parliamo con Enrico Carpi, henrycherpa su Instagram, che a Riccione ha dedicato ben più di qualche scatto!

 

 

Buongiorno Enrico, grazie per averci concesso questa chiacchierata. Abbiamo notato una forte simmetria ricorrente nelle tue fotografie, ci racconti dove nasce?

 

Buongiorno a voi! I miei scatti sono l’unione di due grandi passioni, la fotografia e l’architettura.
Da amante di quest’ultima sono stato colpito inizialmente dalle cabine in spiaggia, protagoniste di tante mie foto: mi ha affascinato la loro struttura sempre uguale, la ripetizione dello stesso pattern. In seguito ho notato che anche le storie che si svolgono intorno a essere sono in un certo modo ripetute: i piccoli battibecchi famigliari, i genitori che aiutano i figli a cambiarsi dopo il bagno in mare, le coppie che si rilassano in spiaggia... Ogni nucleo famigliare è ovviamente unico ma in un certo senso ripropone le tre o quattro dinamiche principali del turista balneare. Le cabine diventano così la scenografia di un teatro che ospita la messa in scena quotidiana della vita in Riviera.

 

 

È molto interessante questa interpretazione che dona una seconda vita agli stabilimenti balneari.
Ci sono altri aspetti di Riccione che prediligi per le tue foto?

 

A dire il vero mi piace fotografarla tutta, dai viali più centrali e vivaci alla zona del Marano con le sue vecchie colonie estive. Trovo inoltre che Riccione sia interessante in ogni periodo dell’anno, per esempio in autunno si respira un’atmosfera speciale, sembra proprio che la città si stia preparando alla stagione estiva successiva.

 

 

Ti pongo una domanda che a questo punto è d’obbligo: perché Riccione, come te ne sei innamorato?

 

Il mio affetto per la Perla Verde è nato in età adulta. Non ho avuto occasione di trascorrere qui le vacanze della mia infanzia, ma appena ho cominciato a viaggiare da solo sono stato a Riccione e non l’ho più lasciata, continuando a venire almeno 3 o 4 volte all’anno. Amo viaggiare anche verso un altro tipo di mete ma per quanto riguarda la Riviera, questa resta la mia località preferita, grazie anche alla sua capacità di rinnovarsi anno dopo anno.

 

 

Dal punto di vista tecnico invece hai qualche segreto da svelarci? Usi attrezzatura particolare?

 

Come corredo fotografico usa una macchina fotografica reflex, nulla di fuori dal comune. Dedico invece tantissima attenzione alla composizione dello scatto, a come gli elementi che inquadro si armonizzano tra loro e con lo sfondo. Infine applico una leggera post-produzione per creare uniformità e un mood comune alle varie foto.

 

 

Potreste aver già visto gli scatti di Enrico condivisi dalla nostra pagina Instagram cittàdiriccione: in ogni caso vi raccomandiamo di seguirlo direttamente sul suo account henrycherpa!  

 

 

Natale 2020 Riccione Christmas Star

Una città che brilla come la stella più luminosa del cielo

Riccione, 5 Dicembre 2020

 

 

Riccione si prepara a illuminare il Natale con il coraggio e la creatività che la caratterizza da sempre, con la voglia di mettersi in gioco, scegliendo l’abbraccio della luce, gli spazi aperti in cui ritrovarsi e riconoscersi come comunità viva, sempre accogliente e più che mai pronta alle nuove sfide. Questo è l’anno di Riccione Christmas Star. La stella è calore, bussola che orienta, che indica la via, è luce che dà conforto e speranza, rischiarando anche la notte più buia. L’abbraccio della stella accoglie turisti e residenti già all’ingresso dell’autostrada e accompagna in un ideale tour attraverso le strade cittadine fino agli angoli più caratteristici e suggestivi, creando una cornice scenica che racchiude tutta la città. 

 

 

A questa suggestione è ispirata l’immagine grafica del progetto Natale Capodanno 2020-21: una stella diamante che irradia sprazzi di luce, mille punte di un sole d’inverno che getta i suoi raggi nell’oscurità dello spazio. Il tema dell’astro luminoso ritorna poi in un’altra realizzazione grafica: un’esplosione di stelle, come fuochi d’artificio che accendono il cielo, vincendo le tenebre. La stella è luce e proprio la luce è la cifra di questo Natale e Riccione sarà interamente avvolta da un alone luminoso, dal centro a tutti i quartieri.

 

 

Passeggiare per le vie, all’aria aperta, dal borgo storico alla spiaggia, che mostra il paesaggio inedito del mare d’inverno; percorrere il lungomare tra il verde e i profumi delle piante mediterranee sarà un’esperienza indimenticabile. Viale Ceccarini, sarà sovrastata da una via lattea di luci, impreziosita ai lati da alberi luminosi e un tappeto dorato ricoprirà tutto il manto stradale. Anche le vetrine dei negozi saranno protagoniste di questo originale palcoscenico. Illuminate, brillanti e sfaccettate saranno impreziosite dall’immagine simbolo della stella diamante.

 

 

Dalle luci che ammantano il viale "nevicherà" come per magia: un leggero mantello bianco ricoprirà la passeggiata più glamour della città. Lo show della nevicata, articolato in alcuni momenti, si svolgerà a partire dal tardo pomeriggio fino a sera e sarà accompagnato da magiche atmosfere musicali. Tutto il centro città sarà avvolto da atmosfere sonore scelte minuziosamente per armonizzare e fondere insieme il delicato mosaico dei sensi. I brani musicali saranno disponibili su Spotify in una bella playlist intitolata Riccione Christmas Star, firmata da Dj Ralf.

 

 

Le luci ci accompagnano anche lungo Viale Dante, fino a raggiungere il grande albero di Natale che quest’anno sarà eccezionalmente collocato in piazzale Ceccarini davanti al Palazzo del Turismo, edificio centrale della vita cittadina, monumento di pregio artistico, luogo simbolo dell’accoglienza. L’albero, sormontato da una brillante stella a otto punte, apre alla sua base un grande portale d’ingresso che permetterà di attraversarlo e di ammirarne anche all’interno la bellezza. Sulla facciata del Palazzo del Turismo verrà proiettata una cascata di stelle, e una foresta di alberi illuminati addobberà Viale Dante fino al porto, già incorniciato di piante e fiori, panchine eleganti in legno e l’inconfondibile scritta “Riccione”, che anche quest’anno accoglierà le suggestive statue a grandezza naturale del presepe. Lungo tutti viali, poi si snoderà un’infinita colonna sonora in filodiffusione che trasmetterà i brani classici della tradizione natalizia e quelli popolari, spaziando tra i vari generi musicali. Nella Piazzetta del Faro, a metà di Viale Ceccarini, un’installazione di Babbo Natale con la sua slitta, sarà scorcio perfetto per scatti fotografici, così come la grande stella in prossimità di Piazzale Roma. Al termine di viale Ceccarini, sulla spiaggia, una grande scritta illuminata “Riccione” rischiarerà il mare Adriatico nella notte.

 

 

A metà del Viale, risalendo verso la parte alta di Riccione, in corrispondenza del nuovo sottopasso, su un grande ledwall, scorrerà un racconto per immagini di questo imprevedibile 2020. Saranno restituiti i colori delle stagioni, la poesia delle albe e dei tramonti, del mare azzurro dell’estate, dei colori caldi della sabbia sotto un sole accecante. Si racconterà il mutare dei sentimenti: dal periodo sospeso della primavera alla felicità inebriante dell’estate, all’autunno che prelude all’attesa del Natale sfolgorante di luci, ricco di allestimenti, vivo in ogni angolo della città.

Riccione brilla, sempre, negli occhi di chi la guarda e di chi la vive, nel cuore di chi la ama.

Tutte le informazioni alla pagina dedicata Riccione Christmas Star

 

Intervista a Luca Marino aka Fucksia

Con il mare nel cuore

Riccione, 20 luglio 2020

 

 

Bio

 

Luca Marino (Fucksia ), 36 anni, designer di origini campane. Da sempre appassionato di arti visive, musica, cinema, fotografia, teatro ed arte in generale. Grafico per passione e di professione, musicista / sound designer per vocazione e dj per divertimento.

 

Ciao Luca, raccontaci qualcosa di te, qual è stato il tuo primo scatto e come sei arrivato alla fotografia?

 

Sono da sempre stato affascinato dalle arti visive, in generale, e crescendo ho cercato di affinare le tecniche che sentivo più congeniali a me. Il mio primo scatto... credo sia stato una foto fatta a mio padre... in fondo è nato tutto da lì. Lui era solito documentare tutto, voleva poter ricordare ogni nostro istante. Da piccolo, essendo sempre stato una persona estremamente timida ed introversa, odiavo profondamente questa pratica, tanto da sentire l’esigenza di replicarla crescendo. Una sorta di sindrome di Stoccolma, insomma, ma con accezione positiva.

 

 

 

Alcune immagini che ci presenti qui in esclusiva sono state scattate durante il tempo sospeso che abbiamo attraversato e raccontano di quella Riccione piú intima e raccolta durante la primavera piú inedita di cui abbiamo memoria. Come vedi Riccione, ora, in piena estate?

 

E’ stato indubbiamente strano viverla in un periodo estemporaneo come quello. Sembrava fosse tutto sospeso, in una sorta di bolla. Una città così diversa da come siamo abituati ad immaginarla. Il bello è che tutto sta rifiorendo, con una consapevolezza diversa. Finalmente, si respira l’estate. Riccione è Riccione, non c’è storia.

 

Quali sono gli artisti visivi che ti ispirano maggiormente nella tua ricerca fotografica?

 

Le ispirazioni sono molteplici ed inconsapevoli, vanno dal cinema alla musica, dalla cultura pop degli anni 80 ad oggi. Più che fare ricerche metodiche, mi lascio trascinare dalle sensazioni del momento e cerco di far fluire tutto allo stesso tempo. Non sono mai stato un paesaggista, ho sempre preferito i ritratti, le persone. Quando scoprii Ghirri, però, rimasi senza parole. C’era una malinconia preponderante, una sospensione del tempo che riusciva, in un modo “semplicissimo”, ad esprimere l’identità di un luogo, con una forza incredibile, un pugno allo stomaco.

 

 

Sappiamo che hai una grande passione per la musica, che ti accompagna fin dall'adolescenza e che attualmente rappresenta una parte importante del tuo lavoro. In che modo la musica si riflette nel tuo immaginario visivo?

 

La musica è il mio immaginario. Credo sia stata una delle poche certezze della mia vita e che mi abbia sempre accompagnato. E’ stata una confidente ed una preziosa amica, prima di tutto. Ha sempre scandito il mio tempo (spesso ricordo delle date specifiche sulla base dell’uscita di alcuni dischi). E’ una necessità più che un diletto. Quando ho scattato queste foto, stavo proprio ascoltando i Sigur Rós, avevo bisogno mi restituissero quel candore, quel senso di raccoglimento che spero si percepisca anche negli scatti.

 

 

Cosa ti ha portato a Riccione? Quali particolarità e suggestioni ti hanno maggiormente colpito della Perla Verde?

 

Riccione è da sempre nel mio cuore, così come l’Emilia Romagna. Idealmente, da piccolo, ha sempre rappresentato la mia estate, un po' come l’inizio del Festivalbar. Fa parte di quei luoghi pieni di ricordi, che ti riportano alla mente momenti felici ed un senso di tranquillità ed appartenenza, che ho sentito in pochi posti. Vivo da sette anni in provincia di Modena e con la complicità di mio zio, che vive a Riccione da quasi quarant’anni, anche i miei genitori si sono trasferiti nella Perla Verde, che è diventata così la mia seconda casa. Ormai siamo emiliani e romagnoli, a tutti gli effetti.

 

Sito web Fucksia

 

 

Un’estate con te

La nostra spiaggia raccontata da Claude Nori

Riccione, 15 giugno 2020

 

 

Una spiaggia di sabbia, un mare non sempre cristallino. Il sole, però, splende sempre in riviera, anche quando il cielo è nuvoloso. Perché qui si respira un’aria diversa e magica. La musica del jukebox, lo sport all’aria aperta, la salsedine sul viso, i sorrisi degli amici e dei primi amori. Ricordi di un’estate da custodire per sempre nel cuore. Da rinnovare, con maggiore consapevolezza quest’anno, senza dimenticare, però, la gioia e l’entusiasmo che ci rendono protagonisti della nostra vita.

 

 

La spiaggia delle fotografie di Claude Nori - fotografo francese di fama internazionale - in mostra a Villa Mussolini durante l’estate 2019, è una spiaggia abitata. Quella che forse oggi ci intimorisce di più, con le domande che sorgono spontanee nella nostra mente, sulle relazioni interpersonali, su come le gestiremo da adesso in poi. Nori ci ricorda che il nostro mare non è un’immagine indistinta di un paesaggio. E’ qualcosa di più. Una comunità di persone, il volto di chi ci ha acceso di vita e cambiato per sempre il nostro destino. Le sue immagini sono lievi, confortanti e spensierate, l’estate che ci comunica è la stagione della vita che più la rispecchia: l’adolescenza, carica di desideri e di una vaga malinconia.

 

 

Claude Nori - è uno degli artisti che meglio hanno raccontato il fascino dolce, romantico e popolare delle spiagge italiane, facendolo conoscere al mondo intero. Da bambino, ha passato gran parte delle sue vacanze sulla Riviera romagnola e vi ha fatto poi ritorno più volte, a partire dal 1982, per fotografare l’atmosfera speciale che si crea nei mesi estivi. “Il particolare territorio del mare, l’attività che si svolgeva sulla spiaggia in estate” scrive Nori “era davvero un concentrato di cultura italiana, un rituale attraverso il quale si esprimeva con forza tutta un’arte di vivere.”

 

 

Questa spiaggia così speciale che ha catturato l’attenzione di Claude Nori resta unica e magica, insieme a tutte le persone che la frequentano. Che torneremo ad incontrare in sicurezza, con l’entusiasmo e la spensieratezza che solo qui si respira, sentimenti necessari per camminare verso il futuro con sano ottimismo e consapevolezza. Guarderemo ancora la spiaggia di Riccione con gli stessi occhi di un grande fotografo. E saranno degli scatti memorabili, quelli dei nostri tempi migliori.

 

Un'estate con te, 70 fotografie dedicate all'estate italiana anni '80, prima personale in Italia di Claude Nori a Villa Mussolini, 30 giugno - 1 settembre 2019

 

 

 

Sirene, latin lover & altri mostri marini

Quando l’estate adriatica si mise in mostra a Villa Mussolini

Riccione, 3 giugno 2020

Prima o poi d’estate in Romagna si passa. Anche solo per un giorno. Un bambino che costruisce castelli di sabbia, una ragazza straniera che si innamora del fustacchione latino, una coppia felice che festeggia davanti al mare: in Romagna tutto acquista un sapore diverso, le attività profumano di entusiasmo e di vita, la quotidianità incontra la fantasia e per magia il mare e la spiaggia si trasformano in splendide cartoline, le donne diventano sirene, i ragazzi del posto giocano a fare i latin lover.

 

 

L’anima camaleontica della riviera è stata protagonista nel 2018 della mostra “Sirene, latin lover & mostri marini”, a cura di Umberto Giovannini – Opificio della Rosa, in collaborazione con la Biennale del Disegno di Rimini. Tre illustratori, Nick Morley, William Davey (Inghilterra) e Ignacia Ruiz (Cile), hanno plasmato l’universo balneare, reinventando con occhio ludico e disincantato la bella cornice storica di Villa Mussolini. Le pareti sono state trasformate in ambienti marini e sottomarini, attraversate da cortei di sirene e figure antropomorfe, che suggerivano episodi di vita osservati da lontano, a volte custoditi in una dimensione più personale.

 


Il giorno dell’inaugurazione della mostra è stato come girare all’interno di un grande libro pop-up illustrato, pronti a sorprendersi, a perdersi, come Alice nel suo Paese delle Meraviglie. Si percepiva il profumo del mare, la libertà e il divertimento della terra di Romagna e quel tour così speciale, attraversato da quelle visioni adriatiche nazionalpopolari, si è concluso in una grande balera con il live del fantautore rivierasco Maggioli, l’esplosiva musica anni Sessanta di “Camilla & i Bomboloni alla crema” e i mitici e indimenticabili bomboloni fritti, gonfi di crema e con lo zucchero a velo sopra.

 

 

Sirene, latin lover & altri mostri marini, narrazioni e storie illustrate in esposizione a Villa Mussolini, 28 aprile – 19 agosto 2018 

 

 

 

Missing you

Desiderio di tornare a casa

Riccione, 21 maggio 2020

 

 

 

Mi manca. Certi luoghi non ti mancano così finché ti proibiscono di andarci. Nessuno come Tondelli ha saputo raccontare ed amare la riviera romagnola e questa foto è dedicata a lui, a quella realtà che ha vissuto e che mai come in questo momento è lontana. “...Quanto patetico e triste appare il rito del martedì grasso se confrontato anche con una sola, casuale, notte sulla costa adriatica. Il travestimento nelle discoteche, il tirare mattino, il ballare, cantare, correre in auto lungo i viali, rimorchiare, nuotare, mangiare, bere... Non è questo il vero carnevale? Non è questa la vera messa in scena dei furori e dei tic della nostra cultura di massa? Non è qui il nazionalpopolare? Ma i nostri scrittori, democratici e pop, preferiscono altre mete. Si turano il naso: Riccione? Per l’amore di Dio! Rimini? Basta,basta! E non hanno mai messo piede su questa spiaggia. Per esperienza personale, posso affermare che ogni volta in cui mi è capitato di trascinare a Riccione, dopo molte insistenze, qualche amico snob, dovevo faticare parecchio a portarmelo via...” (Un weekend postmoderno. Cronache dagli anni Ottanta di Pier Vittorio Tondelli)

 

Sito web Valentina Bianchi IG @valentina bianchi beforeIG @valentinabefore

 

Credits: Valentina Bianchi

 

 

 

Flash forward to the future

Ricordi e visioni dagli anni 90, pensieri rivolti al futuro

 Riccione, 24 aprile 2020

 

 

Massimo Vitali, Riccione Black Bikini, 1997 @ massimovitali

... Nel 1997 io e Giovanni Romboni facevamo fotografie nelle discoteche. In un fine settimana eravamo stati al Peter Pan e al Cocoricò ed eravamo stravolti dalla fatica: andavamo a dormire ‪alle 7‬ del mattino. ‪Alle 12:30‬ però, con perfetta puntualità, l’albergo in cui alloggiavamo ci butta fuori dalla stanza. L’hotel era proprio sul lungomare, esco e do un’occhiata alla spiaggia. Camminando lungo un piccolo canale, abbagliato dal sole, rimango folgorato da una visione che per me è rimasta la visione chiave di Riccione. Insieme a Giovanni corro subito a prendere la macchina 20×25 e gli chassis con le pellicole e faccio quattro scatti: due affiancati, che poi formeranno un dittico, e due scatti singoli. Da quel momento per me Riccione è diventata un simbolo della spiaggia italiana. E non solo per me, almeno spero. ... (Massimo Vitali per @cittadiriccione 2020)

 

Sito web Massimo VitaliIG @massimovitali

 

 

Fotografia e grafica - Sotto il sole di Riccione

Lo sguardo prosegue verso nuovi orizzonti

Riccione, 20 aprile 2020

 

Un ricordo indelebile nel tempo. Ora ancora più vivo, da quando la lentezza è sopraggiunta. A fermare le nostre corse, a farci guardare con occhi curiosi che vanno più in là e non si fermano a questa fotografia. E raggiunge il cuore, alla ricerca di un messaggio perduto. O forse no, di un messaggio solo dimenticato che voleva riaffiorare e farci rivivere in una dimensione più vera. Quella che non si arresterà mai.

 

Luigi Ghirri, Riccione 1984 © Eredi Luigi Ghirri

 

Le immagini sono enigmi che si risolvono col cuore...

 

Luigi Ghirri ha fotografato una volta soltanto Riccione, uno scatto commissionato dal Touring Club nel 1984 per la realizzazione di due volumi dedicati all’Emilia Romagna. La didascalia recita così: 

«È arrivato l’autunno, il mare inquieto costringe a erigere barriere per proteggere le cabine. In compenso la luce è più dolce, i colori hanno tonalità nuove.» 

La scoperta della vita segreta delle cose e degli oggetti di uso comune, quelli che diamo per scontato, è forse il cuore pulsante, la messa a fuoco, sulle fotografie di Ghirri. C’è sempre un’attesa, una sospensione, nelle sue foto, come nelle fiabe, ci responsabilizza, ci rende interpreti del nostro stesso sguardo. E davvero sembra che non esista viaggio più bello di quello che si intraprende dentro una sua fotografia dove l’immaginazione si confonde con la realtà e la dimensione fiabesca con il ricordo del passato.

 

 

Nuovo Cinema Adriatico

Brevi riflessioni intorno a “Nuovo Cinema Adriatico” di Roberto Pari e Sergio Tani

Riccione, 17 aprile 2020

 

... Credo che le fotografie di “Nuovo Cinema Adriatico” colpiscano subito chi le guarda per il senso di disorientamento che provocano. Una sensazione a cui lo spettatore avvezzo all’arte contemporanea può anche essere abituato, ma che ogni volta continua a emozionarlo, proprio grazie all’accostamento di elementi così distanti tra loro, così inaccostabili. Nel caso delle fotografie dei Paritani, i due elementi che creano il cortocircuito, provocando la scintilla, sono comuni pesci e crostacei portati sul set di alcuni tra i più noti successi internazionali del cinema. ...

 

 

....I pesci e i crostacei sono quelli pescati nel mare Adriatico di Rimini, sono pesci comuni, sono pesci poveri, come si usa chiamarli. Vengono chiamati da chi li tratta, da chi li pesca, da chi li vende, da chi li cucina, con nomi dialettali, nomi datigli anticamente. Sono mazzole, sono grancevole, canocchie, sgombri, zanchetti, sono pesci molto buoni, ma che a toccarli puzzano. Roberto Pari e Sergio Tani sono andati in pescheria ad acquistare i loro personaggi, li hanno maneggiati, si sono sporcati le mani. Intanto avevano ricreato i set di alcuni capolavori della cinematografia mondiale. ...

 

 

... Questo trovo interessante nel lavoro dei due fotografi, l’aver preso una materia povera, una materia che puzza a maneggiarla, e l’averla innalzata al livello di quei grandi film, l’averla messa letteralmente sotto i riflettori. Questa loro operazione può rimandare a migliaia di altri mondi fatti di cose da nulla, di tutte quelle cose che sembrano non contare niente, piccoli oggetti insignificanti, erbe selvatiche, scatole vuote, insetti o larve, che il nostro vivere, attento solo alle necessarie banalità, non ci permette di vedere. Sono dunque da apprezzare quegli artisti che ci permettono di tornare a vedere, che ci ridonano la vista sulle cose. ...

Brevi Riflessioni intorno a Nuovo Cinema Adriatico, Francesco Gabellini

 

Nuovo Cinema Adriatico di Roberto Pari e Sergio Tani, mostra a Villa Mussolini, 10 luglio - 19 agosto 2018

 

 

 

Nuovo Cinema Adriatico di Roberto Pari e Sergio Tani, galleria fotografica della mostra a Villa Mussolini, 10 luglio - 19 agosto 2018

 

 

Storia...

L'origine del nome (nella pronuncia locale Arciùn) deriva dal greco e risalirebbe alla occupazione bizantina del VI secolo d.C.: "archeion" è il nome di una pianta, la lappa, che cresce ancor oggi spontanea nelle ormai rare zone di spiaggia non occupate dagli stabilimenti e che doveva abbondare sul deserto litorale riccionese.

Contattaci

iat@comune.riccione.rn.it

0541 426050

 

Wifi a Riccione

 

Iscrizione gratuita alla newsletter eventi (La newsletter contiene gli eventi turistici del Comune di Riccione e viene spedita nel rispetto dell'art. 13 del Regolamento Europeo n. 679/2016 sulla tutela dei dati personali. L'indirizzo  dichiarato sarà trattato esclusivamente per l'invio della newsletter, come richiesto dall'utente, quindi non sarà ceduto o segnalato ad altri soggetti).

Cookie policy e privacy policy

Copyright © 2021 Comune di Riccione
Sito web creato con ericsoft