In vacanza

Riccione Style

Pier Vittorio Tondelli, dalla rivista Rockstar (n. 101) febbraio 1989

"Camminando solitario sulla spiaggia di Riccione in queste luminose, rigide giornate invernali – il freddo è veramente pungente, ventoso e secco, fra le cabine e il mare c’è la vasta e struggente spiaggia beige senza nessuna impronta, modellata anzi dal vento come quella del deserto nordafricano e si ha quasi il pudore nel camminarvi per non intaccarla, troppo profondamente, di orme e di tracce – camminando a mezzogiorno in questo “fuori stagione” silenzioso e nitido mi viene da pensare alle migliaia di persone che la passata stagione erano qui, davanti a queste stesse cabine color pastello e chiacchieravano, giocavano, prendevano il sole, nuotavano, flirtavano…"

 

Riccione! ....e si pensa subito alla moda, allo shopping, alle nuove tendenze, allo scintillio delle insegne luminose. Ma chi la conosce non può non aver in mente la sua gente, il lungomare, la passeggiata sulla spiaggia e fino al porto, l’ottimo cibo e le infinite possibilità di cultura, spettacolo e divertimento in ogni stagione.

Come scrive Pier Vittorio Tondelli, le città di mare come la nostra “si accordano al ritmo naturale del succedersi delle stagioni” e il fascino sta proprio in questo, nell’andare alla scoperta della bellezza e dell’atmosfera che ogni momento dell’anno le contraddistingue e rende uniche.

 

 

 

Riccione è una città da vivere e godere tutti i giorni. Il suo volto più noto è senza dubbio quello estivo, il mare, la vita notturna, i chioschi all’aperto, l’aperitivo in spiaggia, “la vasca” sui viali, il lungomare da percorrere a piedi, in bici, con i roller o una bella corsa alle prime ore del mattino. Qui la brandina è un’istituzione e si stende, se il meteo lo permette, fino ad ottobre, regolarmente dietro le cabine (come si dice in loco!) mentre i bagnini lavano gli ombrelloni per metterli a riposo.

 

Con l’arrivo dell’autunno tutto rallenta ma in letargo non si va! Hanno inizio la programmazione teatrale, le rassegne di cinema, gli incontri d’autore, la stagione dei congressi…per poi arrivare al Natale e alle infinite occasioni di festa che anche in questo periodo attirano in città migliaia di ospiti e che ci accompagnano fino a gennaio inoltrato.

 

Qualche settimana di pausa e già ci si prepara alla primavera. Gli stabilimenti balneari riprendono colore, la spiaggia si anima, la città accoglie manifestazioni sportive nazionali ed internazionali grazie ai suoi impianti eccellenti; la Pasqua dà il via alla stagione estiva e ai grandi eventi all’aperto.

"Tenere in mente che al primo straccio di sole scivoliamo a Riccione" (Luca Carboni, Solarium)

E via che si ricomincia!

 

Storia...

L'origine del nome (nella pronuncia locale Arciùn) deriva dal greco e risalirebbe alla occupazione bizantina del VI secolo d.C.: "archeion" è il nome di una pianta, la lappa, che cresce ancor oggi spontanea nelle ormai rare zone di spiaggia non occupate dagli stabilimenti e che doveva abbondare sul deserto litorale riccionese.

Rimani connesso con noi

Cambia lingua

Copyright © 2016 Comune di Riccione - Viale Vittorio Emanuele II, 2 (Italia)