11 gennaio 2017

Ore 21

Ingresso libero

Cultura

Yellow Factory Riccione via Manfroni 1

Al limite dell'impossibile

Secondo appuntamento del ciclo "Talk About/Conversazioni in cerca d'autore".

 

Ospite del talk-show dal vivo, condotto dal dj e speaker radiofonico Chicco Giuliani, l'ultrarunner e adventurer riccionese Stefano Gregoretti.

 

Dal Triathlon alle grandi spedizioni

 

Gregoretti si avvicina al triathlon nel 2005, riuscendo a coniugare la sua sete di allenamenti impegnativi ed anche di competizione e da allora ha attraversato continenti, deserti e montagne per dare sfogo alla sua sete di vita…senza fermarsi più.

Diversi gli Iron Man portati a termine da Stefano (3,8 km di nuoto, 180 km di bici, 42 km di corsa), in Europa e negli Stati Uniti. Ma già dal 2008 abbraccia in pieno lo sport che diventerà quasi ragione di vita e passione indiscussa, il trailrunning, la corsa fuoristrada. Nel giro di soli 5 anni, questa passione lo porterà dalle gare più importanti a livello nazionale, fino alla vittoria di ultratrail internazionali: secondo posto in Nepal nella 250 km di Racing the Planet (2011); secondo posto alla Grand to Grand Ultra, 270 km tra i Canyon di Utah e Arizona (2012); primo posto Yukon Artic Ultra 100 miglia, nel gelo invernale del nord del Canada (2013); primo posto Gobi March, 250 km nel deserto del Gobi (Cina) con Racing the Planet (2013).

 

Grazie al suo carisma e ad un’ottima padronanza della lingua inglese, Stefano instaura amicizie ovunque, tra queste la più importante con colui che lo porterà oltre le gare stesse, verso vere e proprie spedizioni: Ray Zahab, canadese ultrarunner detentore di diversi record di traversata in giro per il mondo, trova in Stefano il compagno perfetto per portare avanti i suoi progetti ambiziosi sia come atleta che come fondatore di Impossible to Possible. È nell’aprile del 2014 che Stefano, Ray ed altri due atleti canadesi, portano a termine una sfida al limite del possibile tra i ghiacci del Canada Artico, Isola di Baffin. Ed è record: solamente 47 ore per percorrere 150 km, passo sul ghiacciaio compreso, trainando una slitta di 40 kg, con 51° gradi sotto lo zero e il vento gelido dell’artico. A gennaio 2015 sono stati protagonisti di un’altra sfida epica. In 20 giorni hanno percorso 1000 km, in media 50 al giorno, partendo dalla costa dell’oceano Atlantico nel deserto della Patagonia, fino ad arrivare oltre le Ande, a lambire il Pacifico.

 

Stefano è stato ospite di Rai 3, Alle falde del Kilimangiaro, proprio per raccontare sia di quest’ultima avventura che della recente spedizione fatta con i ragazzi di Impossible to Possible nella foresta amazzonica. “Artic 2 Atacama” e #nientescuse sono le sue ultime, estreme, spedizioni dell'anno 2016.

 

Facebook Yellow Factory

 

Il progetto Yellow Factory

L’arte come forza dirompente, capace di fare luce dove prima c’era solo oscurità, come un fulmine, scelto come logo e come simbolo di rottura con il passato, ma anche come fonte luminosa, che apre una breccia nel cielo plumbeo e indica una strada. La strada della cultura, dell’arte e della socialità. I tre pilastri che sostengono la Yellow Factory, insieme ai tantissimi giovani che qui troveranno luci e colori, ma anche tanta musica, design, moda e tanto altro. Ma soprattutto, la parola chiave di questo progetto sarà incontro: con gli artisti, certo, chiamati a raccontare la loro esperienza ai ragazzi e alla Città, ma anche con gli altri fruitori di questi spazi, che non sono virtuali, ma reali.

 

Guarda tutti gli appuntamenti della rassegna fino a febbraio 2017

 

Informazioni: cell. 3298008842

E mail

 

A cura: Yellow Factory_via Manfroni 1, Comune di Riccione

 

Scarica il volantino della serata


Scarica il comunicato stampa

Storia...

L'origine del nome (nella pronuncia locale Arciùn) deriva dal greco e risalirebbe alla occupazione bizantina del VI secolo d.C.: "archeion" è il nome di una pianta, la lappa, che cresce ancor oggi spontanea nelle ormai rare zone di spiaggia non occupate dagli stabilimenti e che doveva abbondare sul deserto litorale riccionese.

Copyright © 2017 Comune di Riccione - Viale Vittorio Emanuele II, 2, Riccione (RN) - Italia
Sito web creato con ericsoft