05 dicembre 2016 - 21 dicembre 2016

Lunedì ore 21.00 martedì ore 20.30

Ingresso unico 5 Euro, abbonamento 3 film 12 Euro

Cultura

Multiplex Cinepalace

Riccione Cinema d'Autore

Dicembre 2016

La programmazione dell'Istituzione Riccione per la Cultura, in collaborazione con Cinepalace Riccione, propone pellicole selezionate da festival, insignite di premi, recensite per originalità, stile, sguardo del regista.

5 e 6 dicembre

LA RAGAZZA DEL MONDO - Di Marco Danieli. Con Sara Serraiocco, Michele Riondino, Marco Leonardi. Italia/Francia 2016.

LUNEDÌ SARÀ PRESENTE IN SALA IL REGISTA MARCO DANIELI

Un'intensa storia d’amore, la crescita e l’evoluzione di una ragazza che diventa donna, l’eterno dilemma tra desiderio di libertà, spinta verso il cambiamento e massimo autoritarismo. Quello di Giulia è un mondo antico e sospeso, fatto di rigore e testi sacri, che esclude con ferocia chi non vi appartiene. Libero vive invece il mondo di tutti gli altri: di chi sbaglia, di chi si arrangia cercando un’altra possibilità e di chi ama senza condizioni. Quando Giulia incontra Libero scopre di poter avere un altro destino tutto da scegliere. Con “La ragazza del mondo“, Danieli porta in scena tanti temi caldi. Primo su tutti quello dell’identità e della crescita come costruzione della persona: Giulia è una ragazza che diventa donna con lo scorrere della pellicola, vive nel regno dell’autoritarismo, dell’ortodossia religiosa dei Testimoni di Geova. La pellicola non è un giudizio del mondo dei Testimoni di Geova ma una testimonianza rigorosa, una riflessione lucida sull’eterno conflitto tra autorità e libertà, tra chiusura ed apertura, tra desiderio e peccato, tra l’essere quello che si vuole diventare e quello che ci si aspetta che siamo. Una riflessione schietta su cosa significa essere credenti, giusta o sbagliata che sia una religione, e di come non sia “solo” una questione di appartenenza ma qualcosa che coinvolge sinceramente e profondamente. Per seguire la sua fortissima spinta evolutiva, Giulia sconvolge la sua vita: abbandona il suo luogo sicuro (la congregazione e la famiglia, rivestite da un involucro di bontà e gentilezza) per uscire nel “Mondo”, luogo di perdizione e sporcizia, per vivere la sua storia d’amore. Libero è il simbolo della libertà, dell’apertura, è il catalizzatore del cambiamento. Eppure l’evoluzione interiore della protagonista è meno veloce di quanto sia il suo agire: non smette di essere testimone di Geova anche se dissociata dalla congregazione. Non si sradica completamente dalle sue radici ma porta il suo credo religioso nella vita quotidiana, come qualcosa di salvifico e rassicurante, come qualcosa da cui ripartire pur facendo parte del “Mondo”.

 

12 e 13 dicembre

RARA - Di Pepa San Martin. Con Julia Lubbert, Emilia Ossandon. Cile/Argentina 2016.

Rara in cileno è sinonimo di “differente” ma non è un film militante, parla di sentimenti ed emozioni che non conoscono genere, anche genitori eterosessuali possono sentirsi rappresentati da questa storia che parla d’amore, di genitori e figli. Rara è anche un film sulla costruzione di una personalità. Sara si accorge che il conflitto che ha scatenato per la paura di essere diversa a causa della sua famiglia è diventato molto più grande di quello che immaginava e da quel momento la sua prima preoccupazione diventa la sorellina. Dice la regista “La dittatura è ancora una ferita aperta in Cile: c’è ancora la costituzione di Pinochet. Vi è paura di essere diversi e la dittatura toglie le differenze, che rappresentano sempre un pericolo. Io sono nata e cresciuta durante la dittatura, a scuola eravamo vestiti tutti uguali, non c’erano cinema né musica, non si parlava. La mia generazione ha portato tutto il peso di questa situazione”.

 

 

21 dicembre

FAI BEI SOGNI - Di Marco Bellocchio. Con Bérénice Bejo, Emmanuelle Devos, Valerio Mastandrea. Italia/Francia 2016.

SARÀ PRESENTE IN SALA IL REGISTA MARCO BELLOCCHIO

Marco Bellocchio porta sul grande schermo il best-seller autobiografico di Massimo Gramellini, storia di una difficile ricerca della verità e della contemporanea paura di scoprirla. A soli nove anni, la mattina del 31 dicembre 1969, Massimo scopre che sua madre è morta. Il film mescola le varie età della vita — l’infanzia dell’amore e della solitudine, l’adolescenza del doloroso incontro col mondo, la maturità della pacificazione interiore —e il protagonista viene continuamente sollecitato a confrontarsi con un mondo che passa repentinamente dall’accoglienza all’allontanamento, dal fascino alla paura. Quando l’amatissima madre sparisce dalla sua vita — per un attacco cardiaco «fulminante» gli viene spiegato, con una bugia cui crederà per molti anni — il piccolo Massimo si trova a fare i conti con un mondo che improvvisamente risponde ad altre logiche: non più il calore dell’affetto o le complicità «proibite» ma l’irrazionalità delle giustificazioni religiose, i silenzi, le bugie, la solitudine. La rielaborazione di questo traumatico evento avviene solo molti anni più tardi, quando Massimo (Valerio Mastandrea), giornalista affermato, rientrato dall’esperienza d’inviato di guerra in Bosnia, incontra una donna (Bérénice Bejo) che lo aiuta a riconciliarsi con il proprio passato.

 

Aperitivo offerto da Bio's Kitchen- Terra & Sole

 

Informazioni: Cinepalace tel. 0541 605176, IAT tel. 0541 426050,  Ufficio Cultura tel. 0541 608369

 

Sito web Giometti Cinema


Sito web Istituzione Riccione per la Cultura

 

A cura: Istituzione Riccione per la Cultura, Giometti Cinema, Cinepalace Riccione

 

Scarica la locandina con le trame dei film

Storia...

L'origine del nome (nella pronuncia locale Arciùn) deriva dal greco e risalirebbe alla occupazione bizantina del VI secolo d.C.: "archeion" è il nome di una pianta, la lappa, che cresce ancor oggi spontanea nelle ormai rare zone di spiaggia non occupate dagli stabilimenti e che doveva abbondare sul deserto litorale riccionese.

Copyright © 2017 Comune di Riccione - Viale Vittorio Emanuele II, 2, Riccione (RN) - Italia
Sito web creato con ericsoft