29 gennaio 2017

Ore 17

Cultura

Centro della Pesa

La memoria (R)innovata. Il futuro dell’antico - Mauro Felicori

Rassegna di incontri sull’archeologia, terza edizione: Beni culturali e sviluppo territoriale nell'esperienza della Reggia di Caserta

Che importanza ha il patrimonio culturale nella società del futuro? A questo quesito si ispira la terza edizione del ciclo di conferenze promosse dal Museo del Territorio di Riccione: gli incontri in programma faranno il punto sulla riscoperta da parte del grande pubblico del ricchissimo Patrimonio storico italiano.

 

“L'antichità non ci è data in consegna di per sé, non è lì a portata di mano;

al contrario, tocca proprio a noi saperla evocare” (Novalis)

 

 

Domenica 29 gennaio 2017 ore 17 alla sala Conferenze del Centro della Pesa si terrà il secondo incontro del ciclo di conferenze "La memoria (R)innovata. Il futuro dell’antico”. Per l'occasione, sarà presente Mauro Felicori, direttore della Reggia di Caserta. Il tema della conferenza sarà “Beni culturali e sviluppo territoriale nell'esperienza della Reggia di Caserta”. Felicori per «Best of 2016» di Artribune, la speciale classifica riservata a personaggi, artisti, curatori, musei, gallerie, politici, è «il migliore direttore di museo in Italia».  

  

Mauro Felicoribolognese di 64 anni, dall’ottobre 2016 direttore della Reggia di Caserta. Dopo la laurea con lode in filosofia, si è specializzato in Economia della Cultura e Politiche Culturali. Dal 2011 è direttore del Dipartimento di economia e Promozione della città del comune di Bologna, già direttore dell’area cultura, istituzione musei civici, istituzione biblioteche civiche ed infine il settore cultura e rapporti con l’università. Felicori è anche docente di gestione e organizzazione delle imprese culturali, presso l’Università di Bologna.

 

“ll segreto del mio lavoro – ha dichiarato Mauro Felicori - è far proprio l’interesse altrui. Condividere uno sforzo, sentendosi parte di un impegno comune. Nel corso di questi mesi, è cresciuto il numero di coloro che hanno condiviso la mia strategia di rilancio e riqualifica del sito vanvitelliano. Un vero e proprio rinascimento. “

 

Numerose le iniziative avviate dal docente bolognese, tra queste spicca l’esposizione di arte contemporanea ‘Terrae Motus’, riallestita dopo anni di oblio  presso gli ambienti precedentemente utilizzati dall’Aeronautica  Militare. Di assoluto rilievo è stata anche la manifestazione promossa della Regione Campania ‘Un’Estate da  Re’, con tre grandi concerti di musica classica diretti da Antonio Pappano e Daniel Oren, due tra i più grandi direttori d’orchestra al mondoE’ sua convinzione che la fruizione culturale debba essere intesa nella sua accezione più ampia, senza limitarsi semplicisticamente all’offerta del sito.

 

 

Informazioni: Istituzione Riccione per la Cultura - Servizio Musei e Archivi Storici  tel. 0541 600113, e-mail, sito web

 

A cura: Istituzione Riccione per la Cultura

 

Scarica la locandina

 

Scarica il comunicato stampa

Storia...

L'origine del nome (nella pronuncia locale Arciùn) deriva dal greco e risalirebbe alla occupazione bizantina del VI secolo d.C.: "archeion" è il nome di una pianta, la lappa, che cresce ancor oggi spontanea nelle ormai rare zone di spiaggia non occupate dagli stabilimenti e che doveva abbondare sul deserto litorale riccionese.

Rimani connesso con noi

Cambia lingua

Copyright © 2017 Comune di Riccione - Viale Vittorio Emanuele II, 2, Riccione (RN) - Italia
Sito web creato con ericsoft