02 giugno 2017 - 09 settembre 2017

Cultura

Rosini Gutman Art Gallery viale Ceccarini 35/G e via Cortemaggiore 3

Artesiana. Dal Futurismo alla Street Art

Arte intesa come riserva di acqua, elemento vitale per la sopravvivenza dell'essere umano. La Rosini Gutman Art Gallery inaugura la stagione culturale e con essa il nuovo spazio espositivo in via Cortemaggiore 3.

Artesiana, la mostra che spazia dal Futurismo alla Street Art, si sviluppa attraverso diverse prospettive: City/Home osserva il rapporto tra l'essere umano e gli spazi da abitare, Ante-Pop/Post Pop esplora il significato di ciò che è Pop con riferimento alla storia, Grafica/Design ricerca la frontiera del linguaggio dell'arte, Cinema/Teatro appofondisce il rapporto dell'opera d'arte con il linguaggio delle arti e dello spettacolo.

 

Il percorso Artesiano inizia con i lavori di Giacomo Balla, Fortunato Depero e Gino Severini, prosegue con Amedeo Modigliani ed attraverso lo sguardo di Alberto Burri, Alighiero Boetti, Gino De Dominicis, Mario Schifano e Andy Warhol, fino ad esporre Marco Lodola, Gianluigi Toccafondo, Atomo, per sfociare infine nelle correnti artistiche appena emerse dal profondo mare della creatività come la Regenerative Art Movement (RAM), che presenterà con Artesiana i suoi Totem rappresentati oggi dalle Balene Arcobaleno - Rainbow Whale in plastica riciclata e riciclabile, quale risposta positiva all’inquinamento dei mari e degli oceani.

 

Il percorso espositivo si estenderà anche in spazi non convenzionali, come il ristorante da Fino, il ristorante Cristallo, alcuni bar e stabilimenti balneari di Riccione, tra cui il Babavero e il Flamingo.

 

Informazioni: Rosini Gutman Art Gallery tel. 0541 693007, 0541 692847, cell. 392 9862357

 

Sito web Rosini Gutman Art Gallery

 

A cura; Rosini Gutman Art Gallery

 

Scarica tutti gli appuntamenti della Rosini Art Gallery

 

Scarica il comunicato stampa

 

Scarica la locandina della mostra

Storia...

L'origine del nome (nella pronuncia locale Arciùn) deriva dal greco e risalirebbe alla occupazione bizantina del VI secolo d.C.: "archeion" è il nome di una pianta, la lappa, che cresce ancor oggi spontanea nelle ormai rare zone di spiaggia non occupate dagli stabilimenti e che doveva abbondare sul deserto litorale riccionese.

Rimani connesso con noi

Cambia lingua

Copyright © 2017 Comune di Riccione - Viale Vittorio Emanuele II, 2, Riccione (RN) - Italia
Sito web creato con ericsoft