04 dicembre 2016 - 08 gennaio 2017

Turismo

Andando per presepi...

L'atmosfera suggestiva del Natale nel presepe vivente e nelle tante installazioni presenti in città.

Il 17 dicembre, dalle ore 16 alle 18.30, il presepe prenderà vita con la rappresentazione a cura delle Scuole della Fondazione Karis Foundation di Riccione. Il presepe vivente, giunto alla diciottesima edizione sarà itinerante e proporrà un vero e proprio show con luci scenografiche, coro e musiche. Il gesto inizierà a Villa Mussolini: dalle 16  alle 17 saranno presenti le botteghe artigianali nel cortile della villa e nelle vicinanze. Alle 17 inizieranno i quadri della Natività, dell'Annunciazione, della Visitazione e dell'incontro dei Magi con Re Erode. Da Villa Mussolini il corteo si sposterà in piazzale Roma, dove si fermerà per realizzare un'altra scena, poi proseguirà passando per le vie del centro con destinazione Palazzo del Turismo, dove, come da tradizione verrà rappresentato il quadro della Natività. Visita la pagina dedicata

 

Nel periodo delle feste di Natale verranno allestiti presepi in vari zone della città:

 

Dal 4 dicembre a Riccione Paese torna Riccione paese dei presepi, il presepe d'autore con le installazioni a grandezza naturale che riproducono gli affreschi di Giotto conservati nella Cappella degli Scrovegni di Padova e nella Basilica Inferiore di Assisi.

 

Dall'8 dicembre si anima il presepe meccanico di Bertino Benzi, costruito con passione e dedizione nel corso di tanti anni. Allestito in via Lavello, il presepe si estende su di una superficie di sei metri quadrati, con botteghe artigiane e personaggi animati da sistemi meccanici. Le statuine si susseguono in movimenti lineari e circolari, sullo sfondo di una scenografia suggestiva dove anche gli eventi atmosferici sono protagonisti. 

 

Dal 17 dicembre torna il presepe di via Abruzzi presso la sede dell'AISM, nato dalla passione di un gruppo di amici, Edoardo Copponi, Stefano e Giorgio Tonti, Ciavatta Adriano, Eraldo Grossi e Rino Boschi. Il presepe si sviluppa su oltre 30 metri quadrati e ha un fronte di 6 metri lineari. Al suo interno sono disposte un centinaio di statuine, molte delle quali interpretano mestieri in abitazioni fatte a mano, proprio come tutti i personaggi che compiono movimenti, ricavati dal legno e poi vestiti. Sono impiegati oltre 150 motori per animare l’intero plastico. La particolarità di questo presepe è la sincronizzazione delle attività svolte dai personaggi in funzione del ciclo giorno-notte, regolato da un cervellone computerizzato che calcola i tempi in rapporto con la lunghezza delle giornate dicembrine.

 

La chiesa del Gesù Redentore in Viale Dante custodisce il prezioso presepe di statuine in legno scolpite a mano dallo scultore della Val Gardena Norman Kostner. Le statuine posizionate all’interno di un paesaggio tipicamente palestinese suscitano sentimenti di pace e bellezza e da anni sono meta di ammirazione e preghiera. 

 

Informazioni: IAT tel. 0541 426050

 

Storia...

L'origine del nome (nella pronuncia locale Arciùn) deriva dal greco e risalirebbe alla occupazione bizantina del VI secolo d.C.: "archeion" è il nome di una pianta, la lappa, che cresce ancor oggi spontanea nelle ormai rare zone di spiaggia non occupate dagli stabilimenti e che doveva abbondare sul deserto litorale riccionese.

Rimani connesso con noi

Cambia lingua

Copyright © 2017 Comune di Riccione - Viale Vittorio Emanuele II, 2, Riccione (RN) - Italia
Sito web creato con ericsoft