Cosa vedere

Fuori città

A pochi chilometri dalla costa, nell'immediato entroterra, si distendono le stupende vallate dei fiumi Conca e Marecchia.

 

Dove lo sguardo può spaziare sul verde delle colline e sulle numerose testimonianze storiche e artistiche di cui sono ricchi borghi e paesi.

Sono queste le terre che tra Medioevo e Rinascimento erano contese tra Sigismondo Malatesta, Signore di Rimini, e Federico da Montefeltro, duca di Urbino. Le rocche e le fortezze che si incontrano ad ogni angolo raccontano questo turbolento passato.

 

Spostandosi verso sud, a pochi chilometri da Riccione, si incontra il Parco naturale del Monte San Bartolo, una vera meraviglia a picco sul mare, il primo promontorio che affaccia sulla costa adriatica provenendo dal Nord dell’Italia. I suoi colori sorprendenti, che mescolano l’azzurro del mare e il verde della collina, si accendono particolarmente in primavera con la fioritura delle ginestre: percorrere i suoi sentieri in questo periodo dell’anno è un’esperienza davvero indimenticabile. Il Parco ospita inoltre i bei borghi di Gabicce Monte, Casteldimezzo e Fiorenzuola di Focara, due residenze storiche (Villa Caprile e Villa Imperiale) e, alle sue spalle, si può ammirare a pochissima distanza il Castello di Gradara.

 

Video promozionale del Parco San Bartolo

 

 

 

Storia...

L'origine del nome (nella pronuncia locale Arciùn) deriva dal greco e risalirebbe alla occupazione bizantina del VI secolo d.C.: "archeion" è il nome di una pianta, la lappa, che cresce ancor oggi spontanea nelle ormai rare zone di spiaggia non occupate dagli stabilimenti e che doveva abbondare sul deserto litorale riccionese.

Rimani connesso con noi

Cambia lingua

Copyright © 2016 Comune di Riccione - Viale Vittorio Emanuele II, 2 (Italia)